Una mongolfiera su Chicago

Il giro in mongolfiera ci sta tutto. Lo sconsiglio vivamente ai cardiopatici e soprattutto a chi soffre di vertigini. Si raggiungono 315 piedi di altezza. Si sta in piedi dentro una ciambella di plastica blu, legati con un moschettone da 1 euro a questo contenitore che oscilla di tre metri a destra e a sinistra.

Saliamo in 7. Sono ammessi anche i bambini. Per fortuna ce ne sta solo uno ed è meravigliosamente incosciente. Forse è l’unico che si gode la cosa fino in fondo.

Per fortuna nella navicella sale anche un responsabile che – con la sua tranquillità e gli strumenti – ci trasmette un senso di sicurezza non indifferente. Lo guardiamo a ogni scricchiolio, a ogni ventata, a ogni movimento repentino. Lui è perfettamente sicuro di se. Fa anche brevi comunicazioni con la base, ma non capisco che dice visto che bisbiglia. Credo che anche questo sia per non creare panico a bordo.

Si pagano solo 25 dollari. Si firma un pezzo di carta straccia. Si indossa una cinta di cuoio. Si entra nella navicella in fila indiana. I posti sono in piedi.

Una volta entrati si attacca il moschettone a una cordicella esile che non trasmette alcun senso di robustezza. Il tizio da le istruzioni. Ci dice che su fa freddo. Ci dice di non esporsi. Di tenersi sempre con le spalle indietro e le braccia divaricate. Mani salde sul bordo.

Si sale. Il pallone di elio rende molto stabile la salita. Lenta e meravigliosa. Con 5 minuti saliamo gradualmente fino a 300 piedi (dopo cerco di tradurre in metri). Il Navy Pier diventa un modellino di Navy Pier. La gente diventa piccola piccola, come dei puntini. L’altezza è decisamente considerevole. Tira tanto vento e c’è una piccola escursione termica. Si sta bene.

Una volta in quota il pallone è molto stabile. Se non si guarda in basso, si apprezza un panorama ancora piu’ bello. Non si vede l’altra costa del lago Michigan. Quella si vede solo salendo sulle Sears Tower.

Da qui sembra più importante guardare sotto che guardare di fronte. Inizio ad abituarmi all’altezza quando è gia’ ora di scendere.

La discesa è certamente drammatica. La navicella oscilla. Qualcuno strilla. Io guardo fisso il responsabile che è salito con noi. La sua assoluta faccia di gesso non lascia trapelare alcuna emozione. Anzi, a un certo punto si è messo pure a fare una telefonata (breve) al cellulare. Poi è tornato a lavorare su uno strumento pieno di misuratori digitali che ha sotto di se.

Scendiamo gradualmente. Oscilliamo di 5 metri a destra e a sinistra. Il cavo di acciaio è esile. Ha un diametro di 3 centimetri. E’ meno di un terzo rispetto a quello del recinto dei rinoceronti allo zoo.

Chiedo al tizio perché il cavo di acciaio  è così esile. Dice di non preoccuparsi. Il cavo viene sostituito ogni stagione. L’elio viene ricaricato 2 volte al mese, e la seconda volta è un refillaggio molto intenso rispetto alla prima.

Gli ultimi venti metri da terra sono i piu’ tormentati. Alcuni urlano. Faccia di gesso è imperturbabile. Io mi godo questo momento.

L’atterraggio è perfetto. La navicella sembra attratta da questa base di legno su cui atterriamo. La centra perfettamente.

Quando i piedi toccano  terra, le ginocchia ringraziano. Scarico un po’ di tensione con un po’ di stretching.

Una risposta a Una mongolfiera su Chicago

  1. Emilio Day scrive:

    Questo affresco è ottimamente conservato: infatti solo la parte sinistra e la parte superiore sono andati in parte perduti. L’opera è attribuita al Maestro di Offida , della fine del Trecento, ed è davvero splendida, soprattutto per la ricca e vivace cromia (blu chiaro, blu scuro, giallo, rosso….) e la delicatezza dei volti dei personaggi. L’affresco rappresenta la Madonna con bambino e i santi Giovanni Battista, Giovanni Evangelista e santo vescovo. La Madonna si trova nella parte centrale; è vestita di un lungo manto blu ed è seduta su un trono marmoreo con uno schienale coperto da un tendaggio rosso. La Vergine tiene stretta a sé il piccolo Gesù, che è in piedi sulle ginocchia della Madre e porta un abitino giallo di foggia preziosa: il Bambino è in stretto colloquio con san Giovanni Battista, a sinistra della Vergine, e porta i suoi classici attributi (mantello rosso, pelle di cammello, capelli lunghi, barba), mentre il suo sguardo esprime tristezza, forse ricordando il fatto che dovrà morire decapitato oppure pensando al destino del cugino Gesù, che dovrà morire in croce per salvare gli uomini dai peccati. Il piccolo Gesù offre al cugino un piccolo uccello, il cardellino, simbolo del suo martirio, da cui il nome dell’affresco. A destra della Vergine a osservare la scena c’è san Giovanni Evangelista, vestito di giallo e di rosso, con la boccetta per l’inchiostro e il Vangelo di Giovanni tra le mani aperto al primo capitolo: In principio era il Verbo e il Verbo era…. A chiudere l’affresco c’è tutto quello che rimane di una figura ritraente un santo Vescovo (come si evince dal pastorale e dall’abbigliamento) di cui è andata perduta la testa e in mancanza di attributi non si è riusciti ad identificare il santo. Pregiato anche lo sfondo dell’affresco, dello stesso colore del manto della Vergine, blu chiaro, e la cornice dipinta che circonda l’affresco, decorata con motivi vegetali e geometrici.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: